Dare troppo agli altri: la trappola dell’autosacrificio

Dare troppo agli altri: la trappola dell’autosacrificio

Maurizio Rabuffi - mer 06 set - tecniche psicologiche , cologno monzese , milano , ipnosi , psicoterapia

Ci sono persone che hanno una spiccata sensibilità verso la sofferenza psicologica degli altri al punto da sentirsi profondamente motivate a fare di tutto per alleviarla o prevenirla. Spesso però questa attenzione ai bisogni degli altri avviene a discapito dei propri bisogni e sentimenti che vengono ignorati e soppressi.

Se si identificano nella persona la presenza di almeno cinque delle seguenti caratteristiche c'è un'alta probabilità di trovarsi di fronte allo schema di autosacrificio:

  • le persone normalmente si rivolgono a me per chiedere aiuto o consiglio;
  • tendo a pensare agli altri piuttosto che a me stesso;
  • lascio perdere ogni cosa se qualcuno vicino a me ha bisogno del mio aiuto;
  • do più agli altri di quanto ricevo da loro;
  • faccio le cose per gli altri piuttosto che lasciare che si sforzino di farle da soli;
  • se qualcuno mi chiede qualcosa mi sento colpevole se rispondo di no;
  • mi capita di sentirmi stanco e oberato dalle cose che devo fare per gli altri;
  • trovo difficile vedere qualcuno che soffre emotivamente;
  • raramente esprimo i miei sentimenti e i miei bisogni agli altri;
  • mi sento egoista a mettere i miei interessi davanti a quelli degli altri.

Da dove proviene l'autosacrificio?

L'autosacrificio nasce in famiglie con genitori bisognosi di aiuto. I genitori potrebbero essere stati disabili, immaturi emotivamente, instabili emotivamente o con una dipendenza. Qualunque sia stata la circostanza, il bambino è cresciuto calandosi nel ruolo del "bambino-genitore" che si deve occupare dei propri genitori o dei fratelli. Forse il bambino ha dovuto ascoltare i genitori che gli confidavano i loro problemi o avere responsabilità troppo grandi per la sua età. Forse ha dovuto raccogliere il genitore ubriaco sul pianerottolo o portarlo a casa da un bar. Potrebbe aver dovuto proteggere in qualche modo il fratellino più piccolo, aiutarlo con i compiti, assicurarsi che mangiasse e indossasse vestiti puliti. Il ruolo e l'identità della persona diventa in questo modo quella di colui che si deve occupare degli altri e che probabilmente ha sentito commenti in cui veniva elogiato per questo. In questo modo, il valore della persona diventa associato al dover aiutare gli altri; occorre mettere gli altri prima di se stessi e i propri bisogni non sono importanti quanto quelli degli altri.

Come l’autosacrificio influenza la vita di una persona?

Lo schema di autosacrificio può sembrare all'apparenza un buono schema: le persone sono generose e si dedicano agli altri. Il problema risiede però nel fatto che la persona che si sacrifica, rinunciando ai suoi bisogni, a lungo andare potrebbe sviluppare una sintomatologia psicosomatica che può si manifestare con mal di testa, disturbi gastrointestinali, dolori cronici o affaticamento. Questi sintomi possono essere considerati una conseguenza diretta dello stress generato dal profondo squilibrio tra il dare e l'avere a cui la persona si sottopone in ambito relazionale. Poiché le altre persone non necessariamente attribuiscono lo stesso valore al sacrificio, non è infrequente che quando si chieda loro aiuto non rispondano con reciprocità, determinando nella persona rabbia e risentimento.
Ignorare i bisogni e i desideri per tanto tempo può portare a una profonda sensazione di vuoto e angoscia che potrebbe spingere la persona per stare meglio ad abusare con il cibo, l'alcool o le droghe.

Le strategie terapeutiche più efficaci

Le strategie cognitive sono utili per aiutare la persona a mettere in discussione la sua esagerata visione della debolezza e della fragilità delle altre persone; per acquisire una maggior consapevolezza dei bisogni, per comprendere le sue naturali esigenze di essere curato, compreso, protetto e guidato. Attraverso la psicoterapia, la persona viene sensibilizzata sulla sproporzione tra "il dare e l'avere", mettendo in luce la mancanza di equilibrio tra ciò che il paziente dà alle persone significative e quello che invece riceve da loro. Si imparerà a stabilire dei limiti e a non sentirsi in colpa nello smettere di dare tutto agli altri in maniera incondizionata.
A livello esperienziale, attraverso l'ipnosi o le tecniche immaginative, il paziente può confrontarsi con il genitore che lo ha fatto soffrire: il genitore che è stato troppo concentrato su se stesso per prendersi cura del figlio, ascoltarlo, proteggerlo o guidarlo. Il paziente confrontandosi con il genitore potrà esprimere la propria rabbia per essere stato costretto a "fare da genitore ai propri genitori".

Attraverso la psicoterapia la persona imparerà ad esprimere agli altri i propri bisogni in maniera più esplicita e a mostrare apertamente la propria fragilità. Inoltre, imparerà a scegliere partner forti e capaci di dare cure e attenzioni, piuttosto che compagni bisognosi di aiuto e assistenza.

Maggiori informazioni per riconoscere e imparare come esprimere agli altri i propri bisogni senza cadere nella trappola dell’AUTOSACRIFICIO

Maurizio Rabuffi, Psicologo - Psicoterapeuta specialista del'ipnosi e della Schema Therapy a Milano e Cologno Monzese

Psicologo - Psicoterapeuta competente a Milano e Cologno Monzese in Schema Therapy e Ipnosi per riconoscere e imparare come esprimere agli altri i propri bisogni senza cadere nella trappola dell’autosacrificio.

Maurizio Rabuffi, Psicologo - Psicoterapeuta di Milano è un consulente professionista che aiuta e sostiene i suoi pazienti nel trattamento dei disturbi da stress dovuto all'eccessivo sacrificio nel confronti degli altri attraverso la Schema Therapy e l'Ipnosi. Grazie all'intervento da lui offerto nei suoi studi, alla conoscenza e all’esperienza maturata, i soggetti stressati potranno ottenere risultati e miglioramenti clinicamente significativi. Lo Psicologo - Psicoterapeuta di Milano è iscritto all'Albo degli Psicologi della Lombardia (Sezione A, nr. 18441). Nel corso degli studi ha approfondito gli aspetti teorici e metodologici della Programmazione Neuro-Linguistica (PNL), dello Psicodramma Moreniano, della Mindfulness, dell'Ipnosi Ericksoniana, dell'Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR), della Schema Therapy, dell'Ipnosi Regressiva, della Psicoterapia Sensomotoria, della Psicologia Aumentata, dell'Imagery Rescripting (ImRs) e del Training autogeno.


Può essere contattato per un trattamento con la Schema Therapy e l'Ipnosi per affrontare la trappola dell'autosacrificio al numero 3479013916 oppure via mail scrivendo a info@rabuffi.it.

Riceve nei sui studi di Milano e Cologno Monzese:

ULTIMI ARTICOLI

Il trattamento del disturbo dipendente di personalità (DDP)

Il trattamento del disturbo dipendente di personalità (DDP)

Caratteristiche Il disturbo dipendente di personalità (DDP) è definibile come una condizione di eccessiva dipendenza dagli altri per supporto, guida e protezione. Le persone con DDP...

SCOPRI
Attraversare il lutto

Attraversare il lutto

Il lutto rappresenta sempre la fine di qualche cosa: la morte di una persona, la fine di una relazione, una malattia che cambia la nostra vita, un tradimento, un aborto… Come questa fine si...

SCOPRI
La schema therapy nella terapia di coppia

La schema therapy nella terapia di coppia

La Schema Therapy per le coppie (ST-C) è un modello di intervento che utilizza i principi della Schema Therapy per le interazioni tra i partner della coppia. I bisogni emotivi alla base...

SCOPRI
La compassion focused therapy per liberarsi dall’autocritica e dal senso di colpa

La compassion focused therapy per liberarsi dall’autocritica e dal senso di colpa

Un elemento centrale che contraddistingue l'autocritica è lo "stile di attribuzione interno", cioè l'abitudine di attribuire ogni errore o fallimento ad aspetti intrinseci della propria...

SCOPRI