Disturbo Dissociativo dell'Identità: Come Intervenire con la Terapia Sensomotoria, l’Ipnosi, l'EMDR e la Schema Therapy

Disturbo Dissociativo dell'Identità: Come Intervenire con la Terapia Sensomotoria, l’Ipnosi, l'EMDR e la Schema Therapy

Maurizio Rabuffi - ven 11 dic - tecniche psicologiche , cologno monzese , trauma , milano , ansia , panico , psicologia clinica

La dissociazione è uno stato di disconnessione nei processi psichici della persona che porta la mente a perdere la capacità di integrare le funzioni superiori. La dissociazione si verifica spesso durante gli eventi traumatici rappresentando un meccanismo di difesa finalizzato a garantire la sopravvivenza dell’individuo.

Con il passare del tempo, questa strategia di fronteggiamento diventa lo strumento con cui la persona affronta abitualmente ogni situazione percepita come pericolosa e fonte di sofferenza emotiva. La persona in questo modo si difende dalle emozioni, ma a lungo andare e nella quotidianità, viene compromessa la capacità di adattamento e aumenta il senso di esclusione e di isolamento sociale.

DSM-5, le Caratteristiche del Disturbo Dissociativo dell'Identità

La diagnosi del disturbo dissociativo dell’identità (DID) è sempre stata controversa e fonte di discussione in ambito psicodiagnostico. Molti autori hanno considerato il DID come un epifenomeno del disturbo borderline della personalità, riscontrando poche differenze nei sintomi delle due diagnosi e ritenendo che sia il disturbo borderline che il disturbo dissociativo dell’identità si collochino sullo stesso spettro diagnostico, con il DID che rappresenta l’estremo più grave.

Secondo i criteri del DSM-5, il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, il disturbo dissociativo dell’identità è caratterizzato da:

  • presenza di due o più identità distinte che determina una grave compromissione della continuità del senso di Sé, accompagnata da modifiche nella coscienza, nella percezione, nella memoria, nel pensiero, nei comportamenti e nelle funzioni sensomotorie;
  • incapacità di richiamare informazioni personali importanti della propria storia di vita oltre che di accedere al ricordo di azioni ricorrenti compiute nella quotidianità;
  • disagio clinicamente significativo o compromissione sociale, lavorativa o di altre importanti aree di funzionamento.

Quali sono i Sintomi e le Cause ?

La manifestazione principale del disturbo dissociativo dell'identità è la presenza di due o più stati di personalità distinti che prendono il controllo del comportamento spesso a seguito di un evento negativo o stressante.

Altri sintomi che spesso sono associati con il DID includono insonnia, disfunzioni sessuali, rabbia, ideazione suicidaria e lesioni autoindotte, dipendenza da alcool e uso di sostanze stupefacenti, ansia, ossessioni, somatizzazione e cambiamenti nell'umore.

Le persone con disturbo dissociativo dell'identità segnalano spesso episodi di promiscuità sessuale e difficoltà ad avere l'orgasmo. Alcuni pazienti riferiscono di vestirsi con abiti del sesso opposto, spesso sentono voci e usano il plurale quando parlano di loro stessi.

I recenti studi sul trauma hanno attribuito il disturbo dissociativo dell'identità alle conseguenze dell'esposizione a situazioni di abuso nell'infanzia. L'abuso grave e prolungato nel tempo, uno stile di attaccamento disorganizzato e l'assenza di supporto sociale e familiare sembrano precedere l'insorgenza del DID.

Più l'abuso è grave, di lunga durata e precoce, più sono gravi i sintomi dissociativi sperimentati in età adulta. La prevalenza del disturbo dissociativo dell'identità nelle persone abusate è di circa il 90%. Oltre all'abuso sessuale, coloro che hanno subito traumi infantili e che presentano sintomi dissociativi hanno riferito anche abuso emotivo (60% dei casi), abuso fisico (70% dei casi) e trascuratezza (65% dei casi).

Gli effetti del trauma sono rilevanti anche dal punto di vista dello sviluppo cerebrale. Uno studio effettuato su pazienti con disturbo dissociativo dell'identità mostra come il volume dell'ippocampo e dell'amigdala è più piccolo rispettivamente del 19% e del 32% rispetto a quello dei soggetti sani.

Il Trattamento per la cura del Disturbo Dissociativo dell'Identità

L'obiettivo dell'intervento con i pazienti a cui è stato diagnosticato un disturbo dissociativo dell'identità è quello di fondere gli stati di personalità conservando l'intera gamma di esperienze contenute in tutte le identità dissociate.

L'intervento prevede un incontro di psicoterapia con frequenza settimanale o bisettimanale lungo un periodo temporale che si sviluppa nel corso degli anni.

Le tecniche della Psicoterapia Sensomotoria, dell'Ipnosi, dell'EMDR e della Schema Therapy possono essere utilizzate con efficacia nell'elaborazione del trauma e per consentire una comunicazione efficace tra le identità dissociate, aiutando il paziente a trovare quando è in difficoltà delle strategie di difesa più adattive rispetto alla dissociazione.

Maggiori informazioni sul trattamento del
Disturbo Dissociativo dell'Identità

Maurizio Rabuffi, Psicologo - Psicoterapeuta specialista della Psicoterapia Sensomotoria, dell'Ipnosi, dell'EMDR e della Schema Therapy a Milano e Cologno Monzese

Psicologo - Psicoterapeuta competente a Milano e Cologno Monzese in Psicoterapia Sensomotoria, Ipnosi, EMDR, e Schema Therapy per intervenire sul disturbo dissociativo dell'identità.

Maurizio Rabuffi, Psicologo - Psicoterapeuta di Milano è un consulente professionista che aiuta e sostiene i suoi pazienti nel trattamento del disturbo dissociativo dell'identità per migliorare attraverso la Psicoterapia Sensomotoria, l'Ipnosi, l'EMDR, e la Schema Therapy la qualità della propria vita. Grazie all'intervento da lui offerto nei suoi studi, alla conoscenza e all’esperienza maturata, i soggetti affetti da disturbo dissociativo dell'identità potranno ottenere risultati e miglioramenti clinicamente significativi. Lo Psicologo - Psicoterapeuta di Milano è iscritto all'Albo degli Psicologi della Lombardia (Sezione A, nr. 18441). Nel corso degli studi ha approfondito gli aspetti teorici e metodologici della Programmazione Neuro-Linguistica (PNL), dello Psicodramma Moreniano, della Mindfulness, dell'Ipnosi Ericksoniana, dell'Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR), della Schema Therapy, dell'Ipnosi Regressiva, della Psicoterapia Sensomotoria e della Psicologia Aumentata.


Può essere contattato per un percorso di Psicoterapia Sensomotoria, Ipnosi, EMDR, e Schema Therapy per intervenire sul disturbo dissociativo dell'identità al numero 3479013916 oppure via mail scrivendo a info@rabuffi.it.

Riceve nei sui studi di Milano e Cologno Monzese:

ULTIMI ARTICOLI

Il trattamento del disturbo dipendente di personalità (DDP)

Il trattamento del disturbo dipendente di personalità (DDP)

Caratteristiche Il disturbo dipendente di personalità (DDP) è definibile come una condizione di eccessiva dipendenza dagli altri per supporto, guida e protezione. Le persone con DDP...

SCOPRI
Attraversare il lutto

Attraversare il lutto

Il lutto rappresenta sempre la fine di qualche cosa: la morte di una persona, la fine di una relazione, una malattia che cambia la nostra vita, un tradimento, un aborto… Come questa fine si...

SCOPRI
La schema therapy nella terapia di coppia

La schema therapy nella terapia di coppia

La Schema Therapy per le coppie (ST-C) è un modello di intervento che utilizza i principi della Schema Therapy per le interazioni tra i partner della coppia. I bisogni emotivi alla base...

SCOPRI
La compassion focused therapy per liberarsi dall’autocritica e dal senso di colpa

La compassion focused therapy per liberarsi dall’autocritica e dal senso di colpa

Un elemento centrale che contraddistingue l'autocritica è lo "stile di attribuzione interno", cioè l'abitudine di attribuire ogni errore o fallimento ad aspetti intrinseci della propria...

SCOPRI