Ipnosi Regressiva nella Psicoterapia: Affronta il tuo Passato

Ipnosi Regressiva nella Psicoterapia: Affronta il tuo Passato

Maurizio Rabuffi - mar 02 mar - psicologia clinica , tecniche psicologiche , empowerment , cologno monzese , depressione , sostegno , dipendenze , paura , trauma , milano , ptsd

La memoria autobiografica rappresenta quella funzione della memoria che permette alla persona di richiamare nel presente degli eventi del passato. Erickson conferisce all’inconscio la capacità di conservare tutto ciò che è accaduto nella vita di una persona.

Durante lo stato ipnotico, a differenza di quanto avviene nello stato di veglia, la persona può accedere ai contenuti della memoria non solo ricordandoli, ma anche rivivendoli. Condurre il del presente nel passato permette di recuperare il materiale passato promuovendo l’integrazione di aspetti della propria identità che prima erano stati trascurati. Nel caso dei ricordi traumatici, la possibilità di accedere al ricordo con gli apprendimenti dell’età adulta permette di ristrutturare l’esperienza, ovvero di re-interpretare il passato alla luce della propria identità presente.

Cos'è e come funziona l'Ipnosi regressiva

La regressione ipnotica è una forma di fantasia guidata, simile al sogno o alla rêverie, che l’immaginazione è in grado di sviluppare. Nella regressione, la persona agisce come se fosse tornata indietro nel tempo oppure come se stesse realizzando un viaggio in un luogo diversamente collocato rispetto al presente nel tempo o nello spazio. Sotto ipnosi, la persona può essere portata in un momento passato della sua vita e mettere in atto un insieme di comportamenti che sente connessi a quel momento particolare della sua esistenza.

Durante l’esperienza è possibile rivivere, riattivare o ricostruire un momento particolare, un evento, un’emozione che emerge dal profondo. La persona viene portata a lasciarsi andare ad una fantasia immaginifica che emerge attraverso associazioni libere che la portano a sentirsi come se stesse rivivendo tale cosa. Durante l’esperienza ipnotica è possibile accedere ad una fantasia che non appartiene alla vita reale, collocandola in un tempo fantastico (ad esempio una vita precedente nel passato: sono una cortigiana di Napoleone, oppure sono un gladiatore ai tempi dei Romani) o in un luogo fantastico (ad esempio: mi trovo su un pianeta di un’altra galassia a combattere una guerra contro degli extraterrestri) e viverla o raccontarla.

In generale, l’ipnoterapeuta mira attraverso l’ipnosi regressiva ad aiutare la persona a far emergere episodi sensibili specifici che hanno fatto da innesco ad una subroutine sintomatica; traumi veri e propri, che hanno creato un’associazione con sentimenti negativi; eventi o sensazioni o ricordi, più o meno realistici, di cui si vuole recuperare o ricostruire la memoria; fantasie particolarmente immaginifiche che si agitano nella profondità del subconscio; risorse o capacità o sensazioni positive che si aspira a riattivare per ritrovare la forza necessaria per sostenersi.

Ipnosi regressiva: a cosa serve e cosa cura

L’intervento attraverso l’ipnosi regressiva permette di affrontare con successo moltissimi disagi psicologici come ad esempio: la depressione, le fobie, l’ansia il panico e la paura, la dipendenza affettiva, l’ansia o la fobia sociale, i disturbi del comportamento alimentare (bulimia, anoressia, abbuffate), il senso di inadeguatezza, i traumi (lutti, tradimenti, abusi, violenze fisiche o psicologiche), il disturbo ossessivo compulsivo, l’ipocondria, la bassa autostima, la dipendenza da sostanze (alcool, cocaina, marijuana o hashish, eroina) e la paura dell’abbandono.

Maggiori informazioni sull'
Ipnosi Regressiva

Maurizio Rabuffi, Psicologo - Psicoterapeuta specialista in Ipnosi Regressiva a Milano e Cologno Monzese

Psicologo - Psicoterapeuta competente a Milano e Cologno Monzese in ipnosi regressiva per affrontare i disagi psicologici.

Maurizio Rabuffi, Psicologo - Psicoterapeuta di Milano è un consulente professionista che aiuta e sostiene i suoi pazienti nell'affrontare gli eventi passati attraverso l'Ipnosi regressiva. Grazie all'intervento da lui offerto nei suoi studi, alla conoscenza e all’esperienza maturata, i pazienti potranno capire cosa sta accadendo nelle loro vite, affrontare i disagi psicologici e ottenere dei miglioramenti. Lo Psicologo - Psicoterapeuta di Milano è iscritto all'Albo degli Psicologi della Lombardia (Sezione A, nr. 18441). Nel corso degli studi ha approfondito gli aspetti teorici e metodologici della Programmazione Neuro-Linguistica (PNL), dello Psicodramma Moreniano, della Mindfulness, dell'Ipnosi Ericksoniana, dell'Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR), della Schema Therapy, dell'EFT (Emotionally Focused Couples Therapy), della Psicoterapia Sensomotoria e della Psicologia Aumentata.


Può essere contattato per un percorso di Ipnosi regressiva per affrontare gli eventi vissuti al numero 3479013916 oppure via mail scrivendo a info@rabuffi.it.

Riceve nei sui studi di Milano e Cologno Monzese:

ULTIMI ARTICOLI

Attraversare il lutto

Attraversare il lutto

Il lutto rappresenta sempre la fine di qualche cosa: la morte di una persona, la fine di una relazione, una malattia che cambia la nostra vita, un tradimento, un aborto… Come questa fine si...

SCOPRI
La schema therapy nella terapia di coppia

La schema therapy nella terapia di coppia

La Schema Therapy per le coppie (ST-C) è un modello di intervento che utilizza i principi della Schema Therapy per le interazioni tra i partner della coppia. I bisogni emotivi alla base...

SCOPRI
La compassion focused therapy per liberarsi dall’autocritica e dal senso di colpa

La compassion focused therapy per liberarsi dall’autocritica e dal senso di colpa

Un elemento centrale che contraddistingue l'autocritica è lo "stile di attribuzione interno", cioè l'abitudine di attribuire ogni errore o fallimento ad aspetti intrinseci della propria...

SCOPRI
Autolesionismo: perché inizia e come fermarlo

Autolesionismo: perché inizia e come fermarlo

Le definizione di autolesionismo Il DSM-5 definisce l’autolesionismo non suicidario come l’insieme di quei comportamenti volontariamente messi in atto nei confronti del proprio corpo,...

SCOPRI